La notte prima di partire è una notte insonne, sei nel letto, ti giri e ti rigiri pregustandoti l’imminente viaggio. Il mattino dopo arrivi all’aeroporto stanco ma pieno di energie,; colazione easy&fast e poi in coda per il check-in, poi un’altra attesa prima di poterti imbarcare e poi finalmente puoi ancora aspettare di partire, ma dentro l’aereo!

Per andare a Maiorca, passerai il 75% del viaggio ad aspettare e il restante 25% a volare, sicuramente vi sarà traffico aereo sulle Baleari.

Esci dall’aeroporto ed il gesto istintivo, dopo quello di aver cercato una connessione internet, è quello di inspirare quest’aria nuova che probabilmente sarà smog emesso da vari taxi, bus e auto presenti; sali sul tuo e raggiungi l’hotel ad El Arenal, ti viene assegnata la camera e… “no va beh non ci avrei mai sperato”

“Oh raga andiamo al mare dai, ci sistemiamo dopo!”

20160814_165155
El Arenal Essendo arrivati tardi, l’acqua risulta molto sabbiosa nella fotografia, ma posso assicurarvi che merita anche se non è nulla paragonata a quelle sparse nell’isola!

La cosa bella della Spagna è la totale assenza di spiagge private, ci sono poche file di ombrelloni e sdraio del comune ogni tot, ma qui a Maiorca c’è spazio per tutti senza dover stare come sardine al 14 di Agosto, in più troverai molti centri di rifiuti che favoriscono tutti i bagnanti a tenere pulita l’intera area.
In questa spiaggia sono molteplici le cose che si possono fare, infatti c’è un campo libero da beach volley, avrete la possibilità di affittare canoe e pedalò o di farvi un giro dal tipico bananone trainato dal motoscafo.
Un’assenza particolarmente sentita è quella di chioschi o bar lungo la spiaggia; infatti per consumare dovrete tornare sul lungo mare troverete molti locali, kebabbari o supermercati (quelli indigeni che vendono di tutto), ma non bar con cornetto e cappuccino!
Con i tantissimi pr che sponsorizzano le discoteche, i locali o le escursioni ti farai due risate e ti potrai organizzare in parte la settimana.

Terminato il primo pomeriggio di mare, si torna in hotel e fra una cosa e l’altra…

Di sera il lungo mare di El Arenal è un fluire di gente, sopratutto di tedeschi ed inglesi, scordatevi feste in spiaggia in stile Ibiza, potrete farvi una camminata e provare tutti i disco-pub ad ingresso libero dove poter consumare e/o ballare, mangiare nei vari fast food tra i più famosi, o bere nei pub pieni di gente euforica dall’alcool!
Il locale più famoso di questa città è il MegaPark, frequentatissimo e famosissimo tra il popolo Germanico per un loro show televisivo, solo passandoci davanti potrete sentire il casino proveniente dall’interno e vedere fiumi di birra girare. Non ci sono mai entrato, causa anche della soggezione causata dal mio metro e hottantavogliadicrescere ed i colossi tedeschi, che comunque troverai li davanti alle prime luci dell’alba ancora ubriachi!
El Arenal non è sicuramente la città per chi vuole vivere di notte, sul tardi infatti il lungo mare, cioè il centro della vita notturna, si spopola e fa spazio a chi, ancora preso bene, canta, suona o balla in spiaggia senza problemi.

Leggi anche: Una Vacanza a Maiorca: Intro

Annunci

2 pensieri riguardo “Una Vacanza a Maiorca: El Arenal

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...